Un lascito all’Archivio dei diari

Noi le chiamiamo persone, le storie che stanno allineate sugli scaffali dell’Archivio dei diari di Pieve Santo Stefano o nei cassetti e nelle stanze del Piccolo museo del diario. Le chiamiamo per nome o a volte per cognome: Clelia, Rabito, Luisa, Orlando, Emilia, Ida. Sono racconti emozionanti, ma per noi sono soprattutto persone.

Come tutte quelle che arrivano fin qui in questo lembo di Toscana per conoscerle, farsi contaminare, scambiarsi emozioni, capire quanto si riflettano le une nelle altre. Non è un luogo ordinario questo. Chiunque passi da qui lascia qualcosa di sé. Lasciare è donare qualcosa a chi ci sta più a cuore. Per questo consideriamo chi ci fa un dono una persona memorabile.

I memorabili fanno qualcosa di speciale per noi e la collettività, sono persone per sempre.

IL VALORE DELLA MEMORIA 

Un Paese senza memoria è esposto agli errori del passato e rende vano il sacrificio di chi ha fatto conquiste di libertà e progresso per le generazioni future. Conservare la memoria di ogni persona che ha lasciato una traccia scritta di sé significa creare un’eco affinché la nostra società sia fondata su valori conquistati e intoccabili.

La memoria è una fiamma che non deve mai spegnersi.

Coltivare la memoria vuol dire rafforzare le fondamenta di un Paese e della sua collettività. Il patrimonio di memoria dell’Archivio di Pieve è composto da più di ottomila storie, che cresceranno e che è necessario mantenere vive e trasmettere agli altri. È importante e irrinunciabile conservare ciò che già esiste e le persone che hanno deciso di depositare un pezzo della loro vita nel nostro Archivio di memorie sono per noi quanto di più prezioso possa esserci. Ma, insieme a loro, tutti noi abbiamo il dovere di traghettare queste vite e queste voci nel futuro, affinché risuonino per sempre. Disporre un lascito a favore della nostra istituzione vuol dire avere un ruolo attivo nel far arrivare le memorie del passato alle prossime generazioni.


CON IL TUO LASCITO POSSIAMO

accogliere
le storie di chi vuole lasciare una traccia di sé

difendere
i valori fondamentali di una democrazia

custodire
la memoria del passato come un tesoro prezioso

tramandare
alle future generazioni il valore della memoria

condividere
le storie con chiunque abbia desiderio di ascoltarle e riviverle

trasformare
la memoria del passato in un linguaggio contemporaneo

chiedi maggiori informazioni
scrivendo a Loretta Veri – l.veri@archiviodiari.it

dal 10 settembre puoi farti spedire la nostra pubblicazione sui lasciti
dove potrai trovare molte risposte alle tue domande
compila il form

Nella nostra pubblicazione troverai:

  • cos’è un lascito
  • come fare testamento e che forma utilizzare (pubblico, olografo, segreto)
  • cos’è possibile lasciare all’Archivio dei diari
  • la legittima, una legge che tutela sempre gli eredi
  • le domande più frequenti, le risposte più utili