Francesco Marchio

 9,30

Disertore a Vladivostok
Una grande avventura inedita nella guerra 1915-18
introduzione di Saverio Tutino
Firenze, Giunti Gruppo Editoriale, 1995
pp. 120

Descrizione

Francesco Marchio
Disertore a Vladivostok

Una grande avventura inedita nella guerra 1915-18
introduzione di Saverio Tutino
Firenze, Giunti Gruppo Editoriale, 1995
pp. 120 – euro 9,30

Un falegname, insoddisfatto della moglie, è quasi contento quando nel 1914 lo costringono ad arruolarsi nell’esercito austriaco. Va in guerra, e passando tra fuoco e fiamme, attraverso tutti i paesi dell’Europa centrale orientale, si ammala, si indebolisce sempre più finché nel corso di un combattimento decide di consegnarsi ai russi che, dopo un anno di lavoro nei campi di prigionia, lo spediscono a Vladivostok. E’ il 1917, l’anno della Rivoluzione d’ottobre, si parla di bolscevismo e di Lenin, e Marchio scappa in Cina, dove si mette a fabbricare mandolini e a cantare in un coro di prigionieri italiani. Poi, per tornare in Europa, si arruola nelle truppe zariste del generale Colciak, ma appena giunto a Crasnoiark, si unisce a Sofia, una giovane che spera di essere portata da lui in Italia. per evitare un ulteriore disastro, Marchio scappa di nuovo in Cina da dove raggiunge l’Italia per nave. E qui scopre che la moglie ha trovato un altro uomo e aspetta un figlio.

studi & notizie
“L’altra guerra. Evento bellico ed esperienza umana nel primo conflitto mondiale” di Marco Mercanti

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Francesco Marchio”