Alessandra Pierattelli

 13,00

Il giardino dei fiori d’asfalto
Diario di un clown metropolitano
prefazione di Ginevra Sanguigno
Milano, Terre di mezzo, 2011
pp. 208

Descrizione

Alessandra Pierattelli
Il giardino dei fiori d’asfalto
Diario di un clown metropolitano
prefazione di Ginevra Sanguigno
Milano, Terre di mezzo, 2011
pp. 208 – euro 13,00

Una cordata di associazioni si occupa per anni di un cortile difficile della periferia milanese, contornato da palazzoni marroni e farcito di criminalità e violenza. Arrivano i clown, con il loro carico di colori e ironia, a insegnare le arti circensi ai bambini speciali, “che ti guardano per capire se possono fregarti o volerti bene”. Scommettono che la fantasia può trasformare quel cortile in un “giardino dei fiori d’asfalto”. E la magia accade. Lontano dalla strada i bimbi hanno una chance e si inventano una loro vita come acrobati, giocolieri, clown, domatori… Questo diario restituisce con freschezza la storia di un impegno per i diritti dei minori in un ambiente scoppiettante popolato di bimbi pieni di talento.

“Mi piacerebbe nella vita, prima o poi, capire quando un bambino decide di diventare cattivo. Secondo me c’è un momento specifico, un qualcosa che accade, che fa dire a un bambino ‘Adesso mi arrabbio’. Come succede in un’opera di Brecht, dove la protagonista per il primo atto è buona da far paura, poi succede che vogliono toglierle un bambino e lei decide di diventare una tigre. Dice proprio così, ‘diventerò una tigre’. Insomma, mi piacerebbe capire quando un bambino decide di difendersi da solo.”

Alessandra Pierattelli (nata a Milano nel 1974) segue da anni, con l’Associazione Veronica Sacchi Onlus, progetti di avvicinamento al volontariato nelle scuole e laboratori di clownerie rivolti a soggetti svantaggiati (disabili, minori in custodia cautelare e i suoi amati bambini speciali).
Il suo diario è conservato presso l’Archivio diaristico e, per volontà dell’autrice, non ha concorso al Premio Pieve.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Alessandra Pierattelli”