Stefano Pivato, Loretta Veri e Natalia Cangi

 20,00

In bicicletta
Memorie sull’Italia a due ruote
Bologna, Il Mulino, 2009
collana Storie italiane
pp. 248

Descrizione

Stefano Pivato, Loretta Veri e Natalia Cangi (a cura di)
In bicicletta

Memorie sull’Italia a due ruote
Bologna, Il Mulino, 2009
collana Storie italiane
pp. 248 – euro 20,00

Sogni e spavalderie di chi si inerpica nella vita pedalando col vento in faccia, paura e senso del dovere della staffetta partigiana che pedala per la libertà d’Italia, emozioni di gente comune che inforca la bici per svago o per dovere. I brani raccolti in questo volume – tratti da diari conservati presso l’Archivio Diaristico Nazionale di Pieve Santo Stefano – parlano di un mezzo di locomozione che ha rivoluzionato i costumi del nostro paese. Pericolosa incarnazione della modernità, “macchina infernale” proibita alle donne e ai sacerdoti, la bicicletta è dapprima mezzo aristocratico, al di là delle disponibilità economiche dei più. Poi, col Novecento, diviene democratica: è il mezzo di trasporto preferito di impiegati e di operai, persone qualsiasi che facilmente si identificano negli eroi di quel Giro d’Italia che inizia a entusiasmare gli animi. Parlare della bicicletta, dice Marc Augé – e lo ribadisce Stefano Pivato nel saggio introduttivo – non significa soltanto rievocare ricordi personali, ma ripercorrere una storia condivisa da milioni di altre persone. Così la dimensione autobiografica di queste pagine si apre, prende respiro e ci regala un quadro inedito della nostra storia recente. Tracciato da un punto di vista particolare e privilegiato: il sellino della bicicletta.

Stefano Pivato insegna Storia contemporanea nell’Università di Urbino. Con il Mulino ha pubblicato “Il nome e la storia. Onomastica e religioni politiche nell’Italia contemporanea” (1999), “La storia leggera. L’uso pubblico della storia nella canzone italiana” (2002) e “Il Touring Club Italiano” (2006).
Loretta Veri segue l’attività dell’Archivio Diaristico dal 1987. Ha curato la pubblicazione del diario di Orlando Orlandi Posti, “Roma ’44” (Donzelli, 2004) e, con N. Cangi e B. Piccinelli, la raccolta antologica “Lontana terra” (Terre di mezzo, 2005). Dirige la collana “Autografie” (Forum Editrice).
Natalia Cangi, direttrice organizzativa dell’Archivio e presidente della Commissione di lettura del Premio Pieve, si occupa dell’attività della Fondazione Archivio Diaristico Nazionale dal 1991. Ha curato, con L. Veri e B. Piccinelli, la raccolta antologica “Lontana terra” (Terre di mezzo, 2005).

 

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Stefano Pivato, Loretta Veri e Natalia Cangi”