Raul Rossetti / Schiena di vetro

 5,15

Raul Rossetti
Schiena di vetro
Premio Pieve – Banca Toscana 1988
memoria 1927-1953
con un commento di Natalia Ginzburg
Milano, Baldini & Castoldi, 1995
pp. 245

Esaurito

Descrizione

Raul Rossetti
Schiena di vetro
Premio Pieve – Banca Toscana 1988
memoria 1927-1953
con un commento di Natalia Ginzburg
Milano, Baldini & Castoldi, 1995
pp. 245

Ingenuo e sprovveduto ma dotato d’astuzia; rissoso e prepotente ma di cuor tenero; amante delle donne e timoroso del matrimonio; amante della vita ma sempre pronto ad affrontare il rischio di perderla: così è il ragazzo del racconto “Schiena di vetro”, che vediamo, sui vent’anni, salutare frettolosamente la madre e partire per il Belgio e la miniera. Lascia alle proprie spalle un’infanzia di piccoli furti e di cinghiate paterne, una famiglia disunita e priva di mezzi e un’Italia immersa nella confusione del primo dopoguerra. Il lavoro in miniera si rivela amaro: il ragazzo impara a conoscere la polvere del carbone, che secca la gola e s’appiccica sulla pelle, la sete, e soprattutto la paura delle frane e delle esplosioni, e del grisou che può far morire appisolati in un soave odore di vaniglia. Ma che gioia, dopo tante ore passate nei pozzi, rivedere il giorno: correre ad ubriacarsi nelle birrerie con gli amici, sfoggiare abiti nuovi nelle promenades, conoscere delle ragazze.

precedente edizione:
Torino, Giulio Einaudi Editore, 1989

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Raul Rossetti / Schiena di vetro”